........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

Obbligo di deposito del bilancio consolidato per la garanzia dei crediti nella liquidazione dell’IVA di gruppo #adessonews


Affinché la garanzia per i crediti IVA trasferiti alla procedura di liquidazione IVA di gruppo possa essere prestata mediante diretta assunzione da parte della società capogruppo o controllante, è necessaria la presenza dell’ultimo bilancio consolidato, depositato presso il Registro delle imprese. Inoltre, la franchigia di cui all’art. 21 del D.M. n. 567/1993 rileva nei confronti della società titolare del credito compensato nella liquidazione IVA di gruppo ed è con riferimento a tale ultima società che va calcolato il 10% dei versamenti eseguiti nei due anni precedenti la data della richiesta e registrati nel conto fiscale.

Laddove, in mancanza dei requisiti di cui al comma 3 dell’art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972, non sia possibile garantire i crediti utilizzati in compensazione di importo superiore a 30.000 euro presentando la dichiarazione annuale munita di visto di conformità, o sottoscrizione alternativa, e una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante la sussistenza dei requisiti patrimoniali stabiliti dalla norma, le eccedenze di credito risultanti dalle dichiarazioni annuali IVA della società controllante o delle società controllate, che sono compensate in tutto o in parte con i debiti IVA delle altre società partecipanti alla procedura di liquidazione IVA di gruppo, devono essere garantite ai sensi del successivo comma 5 del citato art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972, ossia prestando, entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale, per una durata pari a tre anni, cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, ovvero fideiussione o polizza fideiussoria. Per i gruppi di società, con patrimonio risultante dal bilancio consolidato superiore a 250 milioni di euro, la garanzia può essere prestata mediante la diretta assunzione da parte della società capogruppo o controllante di cui all’art. 2359 c.c. dell’obbligazione di integrale restituzione della somma da rimborsare, comprensiva dei relativi interessi.

A quest’ultimo riguardo, è stato chiarito che:

  • la garanzia può essere prestata dalla società capogruppo anche per le eccedenze di credito compensate nell’ambito della procedura di liquidazione IVA di gruppo e che alla prestazione della garanzia deve ritenersi abilitata la società capogruppo, da intendere come il soggetto, nazionale o comunitario, tenuto alla redazione del bilancio consolidato (risoluzione n. 189/E/2002);
  • la possibilità, per le società partecipanti a gruppi societari, di prestare la garanzia di cui al citato art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972, mediante la diretta assunzione, da parte della società capogruppo o controllante, dell’impegno alla restituzione all’Amministrazione finanziaria della somma rimborsata/compensata comprensiva degli interessi, non è subordinata alla mera redazione di un bilancio consolidato, ma è necessario che lo stesso sia stato redatto per ottemperare agli obblighi di cui all’art. 25 e ss. del D.lgs. n. 127/1991, in quanto la finalità di tale disposizione si fonda sulla presunta solidità e affidabilità della società capogruppo e sulla sua capacità di farsi garante, per conto delle altre società, delle eccedenze creditorie compensate nell’ambito della procedura dell’IVA di gruppo (risoluzione n. 202/E/2007).

Nel caso di specie, l’istante – con riferimento alle garanzie da prestare in sede di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno 2021, per le compensazioni operate – ha chiesto se possa prestare garanzia ai sensi dell’art. 38-bis, comma 5, del D.P.R. n. 633/1972 qualora il bilancio consolidato non sia tempestivamente depositato.

Ad avviso dell’Agenzia delle Entrate, affinché la garanzia possa essere prestata mediante diretta assunzione da parte della società capogruppo o controllante, come chiarito dalla C.M. n. 164/E/1998, è necessaria la presenza dell’ultimo bilancio consolidato, depositato presso il Registro delle imprese; ne consegue che il mancato deposito nel Registro delle imprese del bilancio consolidato costituisce causa ostativa all’assunzione, da parte dell’istante, dell’obbligo di garantire le eccedenze di credito trasferite alla procedura di liquidazione IVA di gruppo da essa stessa e dalla controllata.

In merito alla possibilità di applicare l’esonero dall’obbligo di presentazione della garanzia ai sensi dell’art. 21 del D.M. n. 567/1993 – secondo cui non devono essere prestate specifiche garanzie per l’erogazione dei rimborsi, il cui ammontare risulti non superiore al 10% dei complessivi versamenti eseguiti nei due anni precedenti la data della richiesta e registrati nel conto fiscale, esclusi i versamenti conseguenti ad iscrizione a ruolo ed al netto dei rimborsi già erogati – l’Agenzia delle Entrate ha ribadito che la franchigia in esame rileva nei confronti della società titolare del credito compensato nella liquidazione IVA di gruppo ed è con riferimento a tale ultima società che va calcolato il 10% dei versamenti eseguiti nei due anni precedenti la data della richiesta e registrati nel conto fiscale (si veda anche la circolare n. 35/E/2015).

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.fiscal-focus.it/quotidiano/il-quotidiano/articoli-fisco/obbligo-di-deposito-del-bilancio-consolidato-per-la-garanzia-dei-crediti-nella-liquidazione-dell-iva-di-gruppo,3,143459”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.